aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Nuove tecnologie

Una soluzione smart per la gestione dei risparmi

Lo scopo principale di un senior nella gestione del proprio risparmio di solito è difendere il potere d’acquisto e quindi la qualità del proprio stile di vita. Come mi garantirò il sostentamento e lo stesso tenore di vita di oggi durante gli anni della pensione?

155144965Emotivamente i risparmi sono la rappresentazione simbolica dei sacrifici di una vita lavorativa, e proprio per questo investirli non è semplice.

Oggi l’età media dei fruitori di Fondi comuni tradizionali è 55 anni, in crescita rispetto ai 51 anni dell’ultima rilevazione (fonte Assogestioni). La tecnologia arriva ovunque, e il banking cambia costantemente, anche semplificando e eliminando i filtri tra cliente e risposta finanziaria. Ecco allora che diventa possibile che una soluzione tecnologica possa aiutare anche gli over55 nella gestione del proprio patrimonio, senza essere obbligati a passare dallo sportello bancario o dal consulente finanziario. Ovviamente superata la diffidenza verso le nuove tecnologie.

E’ vero che secondo i dati di Assogestioni anche l’età del pubblico che usa strumenti tecnologici finanziari è in costante aumento, soprattutto nelle fasce a più alto tasso di scolarizzazione; vero però anche che il timore del rischio legato agli investimenti, insieme a quello legato alle novità tecnologiche, può disincentivare.

Dare una risposta positiva a queste domande è la sfida che si è posta MoneyFarm, una SIM che si presenta contemporaneamente come una piattaforma online e come un consulente finanziario, e che propone una soluzione che nasce proprio con l’obiettivo di supportare il risparmiatore nella gestione responsabile delle proprie finanze, rendendo semplici e accessibili soluzioni solitamente complesse, soprattutto per chi non è del mestiere ed ha poca dimestichezza con borse, etf e numeri. Secondo i suoi responsabili “MoneyFarm ha eliminato, grazie alla tecnologia, i passaggi intermedi che vanno a gravare sui costi, garantendo al contempo un servizio trasparente, una consulenza di primo livello e semplicità d’uso”.

Attraverso un questionario online, elaborato in partneship con SDA Bocconi, MoneyFarm riesce ad individuare un profilo del cliente, analizzare la sua propensione al rischio e quindi scegliere gli investimenti più adatti.  Per chi avesse difficoltà è previsto un Investor Care Specialist, ovvero un consulente che risolve, attraverso mail o telefono, eventuali difficoltà del cliente o variazioni al portafoglio.   E se Michael Spence, Premio nobel per l’Economia nel 2001, ha scelto di essere tra gli advisor, un po’ di  diffidenza viene meno.

Commenta