aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Le Vostre Storie

Un mondo di interessi

La storia di: Amina

Sono andata in pensione a 60 anni. Ho svolto attività lavorativa di direzione in un grande settore economico finanziario e veramente molto impegnativo dal punto di vista sia fisico sia mentale. Nonostante questo non pensavo di lasciare un lavoro che comunque amavo, ma la malattia, con la quale ho convissuto negli ultimi anni, i difficili rapporti con il sistema politico e le continue battaglie con la classe dirigente, mi hanno convinta.
farfalla in voloLa mia vita è sempre stata una somma di difficoltà e avventure. Ho comunque, con tenacia e volontà, trovato la forza per affrontarle e superarle. Dopo la laurea sono seguiti 10 anni di precariato, poi finalmente l’assunzione. Ho amato il mio lavoro in maniera viscerale, convinta e certa, di aver dedicato tempo e salute alla collettività. Malgrado il tempo e l’impegno, spesi durante l’attività lavorativa, che faceva pensare a tutti che avrei risentito di un enorme vuoto, ora sono felice di appartenere alla schiera dei pensionati. Adesso gestisco a piacimento il mio tempo libero. Mi piace molto leggere, anzi si può dire che divoro una grande quantità di libri. Durante il periodo lavorativo sentivo veramente la mancanza di tempo per poterlo fare. Mi piace moltissimo essere aggiornata su qualsiasi argomento, nuove scoperte, nuove cure e perfino notizie di astrofisica. I programmi di divulgazione scientifica mi appassionano. Inoltre ho scritto il mio primo romanzo, che premeva per voler uscire da qualche tempo. Ben 500 pagine! Un sogno che non avrei mai creduto di poter realizzare: adesso, ho iniziato la rilettura e le correzioni e proverò a pubblicarlo! Ma ho anche altri interessi: la buona musica italiana mi rilassa e non conosco, quasi più, la parola stress. Frequento gli amici di sempre, le ex colleghe, vado a teatro e, perché no, a volte, mi piace oziare! Curo me stessa, mi coccolo, e non manco mai un appuntamento con il parrucchiere. Con tenacia ho fatto in modo che la malattia non tarpasse la mia voglia di viaggiare o di visitare qualche mostra. Per realizzare un altro sogno, mi sono ripromessa di iniziare a dipingere, per mettermi alla prova e riuscire a tradurre su tela le mie emozioni.

Commenta