aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Ricerche

I senior al lavoro vedono (quasi) tutto nero

Il Barometro Edenred-Ipsos 2015.

Pessimisti sul futuro e insoddisfatti del presente. Non sono di certo positive le percezioni dei senior italiani sull’ora e sul domani emerse dai dati della seconda edizione del Barometro Edenred-Ipsos 2015, indagine overche, prendendo a campione 13.600 dipendenti di aziende di 14 Paesi europei, ne analizza benessere e motivazione sul lavoro.

Lo studio mette a confronto Francia, Regno Unito, Germania, Belgio, Spagna, Italia, Svezia, Polonia, Romania, Turchia, Finlandia, Austria, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e comprende, nel campione, anche duemila lavoratori tra i 55 e i 64 anni.

Proprio concentrandosi su questo gruppo di persone emerge come gli ultracinquantacinquenni italiani che si dichiarano “felici al lavoro” sono solo il 37%, percentuale che li colloca al di sotto della media europea, al terz’ultimo posto della classifica, prima dei polacchi e dei cechi, e ben lontani dai più soddisfatti olandesi (71%), austriaci (59%) e svedesi (54%). Va però aggiunto che, con l’eccezione di Francia e Germania, in tutti i Paesi il dato è anche peggiore se si guarda alla media nazionale.

Oltre alla felicità anche sulla qualità della vita lavorativa l’Italia è tra le maglie nere insieme a Spagna e Francia. Come riporta la ricerca, a giustificare questa insoddisfazione è soprattutto la percezione del non veder riconosciuto il proprio impegno sul posto di lavoro da ben il 49% degli intervistati, situazione ben diversa da austriaci, svedesi e tedeschi, la cui percentuale di soddisfazione è ben oltre il 60%.

Alti livelli di sfiducia anche quando si chiede come ci si sente quando si pensa agli anni di lavoro che mancano alla pensione: i lavoratori senior italiani, infatti, sono quelli che, in Europa, vedono meno possibilità di miglioramento e di ulteriori opportunità di carriera e sono anche i meno motivati (52%) insieme ai cugini francesi (55%).

Quanto al fare programmi per il periodo in cui si sarà in pensione, un quarto degli over55 italiani vede la pensione così lontana che proprio non ci pensa, a fronte del 55% di svedesi che hanno già pianificato a cosa si dedicheranno quando smetteranno di lavorare.

Per approfondire:

http://www.edenred.it/barometro-edenred-ipsos-2015/

http://job24.ilsole24ore.com/documenti/news/Articoli/2015/10/barometro.pdf#page=1

Commenta