aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Le Vostre Storie

Sempre in viaggio

La storia di: Marilena

Giampaolo Talani - I viaggiatori

“Viaggiatori” di Giampaolo Talani

Non avrei mai immaginato che alla bella età di 65 anni avrei viaggiato più che in tutta la mia vita. Eppure è quello che sta succedendo. Ho smesso di lavorare da molto tempo, prima facevo l’insegnante e ora che non ho più degli impegni quotidiani vincolanti sono sempre con il trolley in mano. Non tanto per turismo ma perché ho tanti affetti in giro per l’Italia e per l’Europa. Vivo a Milano da quarant’anni ma le mie origini sono nella provincia di Bari e lì vive ancora mia sorella a cui sono molto affezionata, la vado a trovare almeno tre volte l’anno. Ci vogliamo molto bene e ritrovarci è sempre un piacere, tanti ricordi, tante chiacchiere e poi… volete mettere la cucina pugliese rispetto a quella nordica ? non c’è paragone…
Poi ci sono le mie due ragazze che come tanti loro coetanei hanno scelto di andare a cercare maggior fortuna all’estero. Una vive in Olanda, ha studiato lì gli ultimi anni e poi le hanno proposto di restare nell’università dove studiava, ha incontrato un ragazzo del posto e sta bene. E’ contenta quando vado a trovarla e così qualche viaggetto anche nella terra dei tulipani non me lo faccio mancare. L’altra ha conosciuto qui in Italia un ragazzo inglese, si sono innamorati e ora vivono nel freddo nord dell’Inghilterra dove è nato un bellissimo bambino. Non vorrete che non vada a trovare ogni tanto anche il nipotino ?
Così mi ritrovo continuamente a fare e disfare la valigia (sorry, il trolley). Qualche volta riesco a convincere anche mio marito a venire insieme a me, ma lui è ancora impegnato con le sue cose di lavoro e viaggiare per lui è più una fatica che un divertimento come per me. Poi dice che se no spendiamo troppo, un po’ ha ragione ma non è del tutto vero: con i viaggi prenotati in anticipo e le compagnie low cost la spesa è sopportabile, poi sul posto mi faccio ospitare e venire a prendere in stazione o in aeroporto e così è davvero fattibile.
Mi sembra una gran fortuna potermi confrontare con abitudini, culture e persone diverse.

Commenta