banner-header
Eventi Ricerche

Un ritratto dei Nuovi Senior: la ricerca dell’Osservatorio

5-ottobre-jpgSe oggi non è più la candelina dei 60 o dei 70 anni a far sentire anziani, a cosa è associata la sensazione di invecchiamento ?

Quali sono le aspettative e le sfide che i Senior attivi di oggi devono affrontare?

Attività lavorative e post lavorative, rapporti familiari e sociali, energia e salute: come si percepiscono i Senior sessantenni e settantenni su questi fronti e come li vedono le altre generazioni ?

Mogli, mariti, figli, amici, colleghi di lavoro e di associazione: cosa si aspettano dagli over55 in transizione verso una nuova fase di vita ?

Sono queste alcune delle domande da cui ha preso le mosse la Ricerca “Un ritratto dei Nuovi Senior: generazioni a confronto”, promossa e realizzata da Osservatorio Senior insieme al Laboratorio Trail del’Univesità Cattolica, i cui principali risultati verranno presentati e discussi il prossimo 5 ottobre, alle ore 17, a Milano al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Leonardo da Vinci.

La Ricerca, svoltasi tra il settembre 2015 e il settembre 2016, ha consentito di esprimere un ritratto inedito dei Nuovi Senior, basato sulla percezione che i sessantenni e i settantenni hanno di se stessi e sulla rappresentazione sociale che di essi emerge da altre generazioni: quella dei giovani 25-35enni, dei giovanissimi 12-13enni e degli over 80.

Luoghi comuni e rappresentazioni tradizionali di questa fase della vita sono completamente ribaltati dagli esiti della Ricerca, che propone invece uno scenario di forte cambiamento del modo in cui i senior si percepiscono, oltre che delle condizioni in cui vivono. L’immagine forte che ne emerge è di un senior ancora “in cammino”, desideroso di essere valorizzato e capace di guardare al futuro.

Nell’incontro del prossimo 5 ottobre a Milano Enrico Oggioni di Osservatorio Senior e Giuseppe Scaratti di TraiLab (che insieme ad Alessandro Rosina dell’Università Cattolica hanno guidato la Ricerca) presenteranno i principali risultati e ne disuteranno con Giangiacomo Schiavi, editorialista del Corriere della Sera, con Annamaria Testa, esperta di comunicazione e saggista, oltre che con lo stesso Rosina.

Osservatorio Senior prossimamente metterà a disposizione il rapporto sintetico della Ricerca su questo sito.

2 Commenti

  • Premesso che un Junior cresce ed impara tramite la metodologia “trials & errors”, anzi ha il diritto/dovere di commettere errori, un Senior potrebbe insegnare al Junior non solo come non fare errori fatali, ma come trarre beneficio dagli errori, diciamo così, fisiologici.
    Inoltre in un periodo come l’attuale di “total transformation”, in particolar modo nel Terzo Settore, i Senior potrebbero, anzi dovrebbero, insegnare come gestire la “trasformation” perchè questa non diventi una “disruption”.

  • Credo che, in gran parte, l’esperienza non sia merce esportabile, ciò che per un individuo è ‘errore fatale’ per un altro può essere un utile accadimento, dipende dal vissuto che ciascuno di noi ha alle spalle, di come lo ha metabolizzato, di come ha influenzato non solo la sua visione del mondo, ma persino le sue sinapsi cerebrali.

Commenta