SLIDER-TECHNOLOGY-AND-AGEING
SLIDER-PANDEMIA-FUTURO-SENIOR
Senior Living
HEADER-GENERAZIONI-AZIENDA
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
SLIDER-CAROUSEL-AGE-MANAGEMENT
Argomenti

Rovinarsi con il Gratta e Vinci

Il gioco d’azzardo e gli over 65.

Lotteria, Lotto, Giochi numerici a totalizzatore, Giochi a base sportiva e a base ippica, Bingo, PokerCash, Scommesse Virtuali, ma soprattutto Slot Machine e le loro parenti più moderne, le Videolotterie.

Sono questi i giochi principali a cui si dedicano e con cui rischiano i propri soldi oltre un milione e trecentomila nostri concittadini. Tra questi, anche moltissimi senior.

La passione per il gioco si trasforma spesso in un disturbo, la ludopatia, definita come “la dipendenza patologica dai giochi elettronici o d’azzardo”.

I giochi d’azzardo, oltre ad essere un rischio per la nostra salute, sono anche un business significativo, a cui sono interessati sia gli operatori privati, sia lo Stato per via delle entrate dell’Erario.

L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, nel suo “Libro Blu 2020”, certifica che negli ultimi anni prima della pandemia l’ammontare di puntate effettuate dalla collettività dei giocatori è stata sempre in crescita, fino alla cifra di oltre 110 miliardi di euro nel 2019. E se i cinque mesi di lockdown del 2020 hanno contratto il volume di gioco portandolo intorno agli 88 miliardi di euro, è comunque significativo che i giocatori italiani non si sono dati per vinti e, come in tanti altri campi della vita, sono transitati dal gioco fisico al gioco a distanza (è stata del 35% la crescita del gioco a distanza in quel periodo).

La parte del leone tra i giochi, come illustra sempre il Libro Blu dell’Agenzia ADM, la fanno le AWP (le cosiddette New Slot, apparecchi elettronici che erogano vincite in denaro) e le VLT (VideoLottery o VideoLotterie, un’evoluzione delle tradizionali AWP). Insieme, fanno intorno al 45% delle puntate effettuate.

Il comportamento di gioco dei senior over 65 ha alcune peculiarità, in base a quanto emerso da due studi “storici” sull’argomento, uno promosso da Auser in collaborazione con il Gruppo Abele [1], l’altro realizzato dall’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR su incarico della ASL di Bergamo[2].

Quasi un terzo degli over65 opta per Lotto e Super Enalotto, moltissimi cercano la fortuna nel Gratta e Vinci e nelle Lotterie istantanee, senza trascurare il Bingo e i giochi di carte.

Ovviamente, anche tra i senior è cresciuta negli ultimi anni la passione per il gioco a distanza, parallelamente alla maggior dimestichezza con internet e computer.

Però, i giochi praticati sono soprattutto quelli ‘passivi’ e a bassa soglia di accesso come il Gratta e Vinci che, oltre ad essere facilmente accessibili e acquistabili in luoghi ed esercizi pubblici, rispondono con la loro ampia gamma di prezzi alle diverse disponibilità economiche delle persone.

Ricevitorie, tabaccherie e bar, luoghi lontanissimi dall’immaginario mondano del casinò, sono i posti dove si gioca più frequentemente; in misura minore si gioca a casa propria o nei centri commerciali.

Infine, pare che il gioco affascini di più i celibi, i nubili, i vedovi e i separati, così come il soffrire di depressione, ansia o disturbi di natura nervosa comporta una maggiore probabilità di diventare giocatori a rischio o problematici.

foto Artisticco su licenza iStock

[1] Leopoldo Grosso, Monica Reynaudo, Francesca Rascazzo, L’azzardo non è un gioco. Gioco d’azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser, Gruppo Abele – Auser – Libera, 2014

[2] Istituto di Fisiologia Clinica del CNR su incarico della ASL di Bergamo, Il gioco d’azzardo over65, luglio – dicembre 2014

 

1 Commento

  • Ludopatia come tutte le patologie crea dipendenza specialmente in chi, irrecuperabile sognatore, spera nella sorte … Difficile pensare di restare coinvolti in tali esperienze se, si possiedono discernimento e moderazione . In pratica come tutte le altre manifestazioni simili, si rimane presi nel vortice quando cultura e disponibilità non sono eccellenti o, esercitate a modo e maniera . Purtroppo nessuna cabala può prevedere i misteri della sorte che in futuro ci governerà!

Rispondi a PIERA X