SLIDER-TECHNOLOGY-AND-AGEING
SLIDER-PANDEMIA-FUTURO-SENIOR
Senior Living
HEADER-GENERAZIONI-AZIENDA
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
SLIDER-CAROUSEL-AGE-MANAGEMENT
Le Vostre Storie

Dove abitare?

La storia di: Paola

Sto per compiere 70 anni e sono ancora abbastanza in forma, nel senso che non ho malattie croniche, faccio lunghe camminate, guido l’auto, ogni tanto qualche viaggio e qualche mostra, ho una discreta memoria, frequento amiche.

Lo specchio tutte le mattine mi dice che invecchio ma poteva andare peggio. Speriamo duri… ma chi lo sa?

Vivo sola in un appartamento a Torino, due stanze cucina e bagno. Ci vivevo con mio marito che aveva dieci anni più di me e che un paio di anni fa se ne è andato. I figli hanno casa loro da un pezzo.
Mi sto chiedendo se continuare a vivere qui o andare a vivere i prossimi anni in un altro posto.

Sono ancora in grado di reggere un eventuale trasloco e forse adesso ho l’età giusta per preparare un luogo dove potrei vivere bene anche da vecchia.

Una possibilità sarebbe lasciare l’appartamento di Torino e andare a vivere in un posto più piccolo, più a misura di anziano, che ne so, nelle Langhe, al mare in Liguria. Sono abituata alla città grande ma mi piacerebbe vivere in un posto che richiede meno fatica per spostarsi, dove i rapporti con le persone sono più facili e la natura è più vicina.

Oppure, seconda possibilità, potrei decidere di rimanere dove vivo adesso e organizzare la casa per quando sarò meno autonoma e più a rischio di cadute. L’ascensore c’è, ma la casa è piena di gradini, spigoli, vestiti e piatti messi in alto negli armadi, non parliamo del bagno dove continuo a inciampare già adesso.

Fare lavori sarebbe una spesa non indifferente, ma forse meglio che ritrovarsi fra qualche anno a dover dipendere da una badante o andare in una casa di cura.

Insomma, sono incerta sul da farsi e sarei felice di ricevere opinioni e consigli.

Foto di Daniele Ottazzi da Pixabay

2 Commenti

  • cara Paola, ho letto con interesse le tue riflessioni, che mi sono comuni. A Milano, con Nestore, nei mesi scorsi abbiamo iniziato un cammino, in un gruppo di lavoro ( che per la verità ora è in stand by) su questo tema, ed abbiamo iniziato a parlare di co-housing. L’esperienza del co-housing, anche con servizi senior, ma esteso anche a famiglie ed a studenti. Mi farebbe molto piacere che tu partecipassi al gruppo. Ti risulta che a Torino e dintorni esiste questa esperienza?

  • BUONGIORNO, rispondo ai tuoi dubbi avendoli vissuti da poco tempo.
    1. 70 anni sono abbastanza pochi per abbandonare la cerchia di amici e trovare un posto assistito come potrebbe essere un co-housing
    2. Io troverei un appartamento al piano terra facile da accedere e senza ostacoli in condomini residenziali eventualmente con proprio giardino. massimo 100/120m con 2 camere e 2 bagni, questo per eventuali future esigenze.
    3. Più che nuove amicizie in altri posti rafforzerei le attuali e mi dedicherei a chi ha più bisogno tra associazioni e parrocchia. un caro in bocca al lupo

Commenta