aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Argomenti

Amici on line ? Sì, grazie

Perchè e come.

L’amicizia nella vita reale è di certo una cosa importantissima per tutti noi. Tuttavia, da senior, la frequentazione non è sempre facile. Le grandi distanze in città, gli impegni di lavoro, famigliari e di volontariato spesso rendono difficili gli incontri.

Se siamo socievoli, se amiamo scrivere lettere e se ci piace conoscere persone di tutto il mondo il sito www.interpals.net ci mette in contatto con amici di penna che hanno il nostro stesso interesse. Il sito non è dedicato a chi cerca un partner e neppure a scopi commerciali. L’unico obiettivo è la ricerca di relazioni amicali, amicizie online da affiancare a quelle offline. Il sito funziona prevalentemente in lingua inglese anche se sono presenti il francese, il tedesco e lo spagnolo. L’italiano è quasi assente.

Come funziona? Ci si iscrive – con un nickname, come sempre online – si posta una foto, si redige un profilo e si descrivono i propri interessi. Dopo di che si può essere contattati con un messaggio e, visto il profilo dell’interlocutore, si può decidere di rispondere. Oppure possiamo essere noi a cercare l’interlocutore scegliendo una fascia d’età, il continente, la lingua e leggendo il profilo.

La prima fase della conoscenza avviene attraverso messaggi. Se gli interessi comuni sono sufficientemente profondi si può procedere con mail o con whatsapp o con skype, svelando il proprio nome. Alcuni rapporti possono essere fugaci, ma altri possono durare per anni. A differenza dei siti di incontri, in questo caso non ci si incontra mai o quasi mai. Se io ho un amico in Nuova Zelanda, uno negli Stati Uniti e uno in Russia non penso certo di fare il giro del mondo per incontrarli. Se sono in Europa, magari ci si incontra. Diciamo che lo scopo principale è la corrispondenza.

A questo punto ci si chiederà come si possa parlare di “amicizia” – parola da non usare con leggerezza – in relazioni che non implicano un incontro personale. E’ presto chiaro se si prende in considerazione la forza delle parole e la possibilità di un rapporto continuativo. Se io racconto la mia vita tutti i giorni, come in un diario, per un anno o due anni a una persona che a sua volta ama raccontarsi, la nostra conoscenza sarà più profonda di quella con qualsiasi amico offline, con cui il rapporto è per forza frammentario. Inoltre, connessi con tutto il mondo, non esiste il giorno o la notte e neppure le feste comandate sono le stesse. Voglio dire, anche a Natale posso sempre trovare l’amico israeliano disponibile a parlare con me.

I rischi ovviamente sono nulli, nel senso che un rapporto sgradito può essere interrotto con un click. Può capitare qualche raro “scammer” (imbroglione) di solito proveniente dai paesi africani che, come ho detto prima, possono essere esclusi dai nostri contatti. In questi casi si tratta di un ragazzo che racconta una storia tristissima e chiede soldi. Oppure si tratta di una ragazza che si finge americana ma che invece è africana e cerca un marito. Il gestore, interpellato, può allontanare chi non usa il sito propriamente.

Il sito è frequentato da gente di solito qualificata anche perché tutti hanno una buona conoscenza, se non ottima, dell’inglese.

L’amicizia online è un’esperienza che di certo arricchisce la vita culturale e sociale. Ma è anche l’occasione per esercitarsi in una lingua straniera, allenando la mente, una pratica preziosa per i senior che non vogliono invecchiare precocemente.

2 Commenti

  • Cercavo qualcosa di simile da tantissimo ! Ma il mio grosso handicap sta nel fatto che non parlo nè scrivo in lingua inglese ! (se non a livello base scolastico)
    Perchè qualcosa di questo genere non nasce in Italiano !
    Purtroppo ciò che esiste in Italiano non dà molte garanzie. Tendenzialmente si tratta di siti di incontri uomo/donna e viceversa o impostati sul sesso.
    Per persone che cercano una “condivisione” di pensieri, di racconti, non ho trovato nulla.
    Ma non dispero !

    • Come dicevo, gli italiani nel sito sono pochi, ma ci sono stranieri che vogliono imparare l’italiano e sono molti. Il mio consiglio è di scrivere comunque al sito la sua presentazione in italiano traducendola in inglese con google translator in prima battuta e vedrà che troverà qualche amico di penna in italiano.

Commenta