aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Soluzioni abitative

Migliorare la propria abitazione: il soggiorno

Dopo l’ambiente bagno e cucina, il soggiorno è uno degli spazi delle nostre abitazioni dove viene trascorsa la maggior parte del tempo libero. Lettura, relax, ascolto della musica, visione di un film, incontro con amici e familiari, sono solo alcune delle principali attività che vengono svolte in uno degli spazi che meglio racchiudono i gusti personali di ogni famiglia.

Il soggiorno, nel linguaggio corrente anche denominato living (dall’inglese: vivendo), rappresenta uno spazio abitativo all’apparenza privo di rischi, ma talvolta cela alcune problematiche molto comuni che possono trasformarsi in un serio rischio per la buona salute e comfort della persona.

Quindi, anche il senior che oggi gode di buona salute e piena autonomia, farebbe bene – nel caso di migliorìe o cambiamenti alla propria abitazione – a prevedere alcuni accorgimenti che potrebbero risultare assai utili in futuro.

Ad esempio, il rischio di caduta viene amplificato dai numerosi oggetti d’arredo (anche piccoli, come cassettiere, sedie, tavolini e mobili da telefono), tappeti e divani eccessivamente bassi o con imbottitura non abbastanza rigida.

Persone che soffrono di iniziali stadi di sindrome di Alzheimer o demenza senile, possono incorrere in un comune problema di disorientamento o di un mancato utilizzo delle complete funzioni cognitive se gli ambienti non mantengono una gerarchia e caratterizzazione personale.

Individui con problemi a livello motorio, che ad esempio necessitano di un deambulatore o sostegno, possono trovare in ambienti sovra-popolati di oggetti e arredi, un difficile e pericoloso spazio dove trascorrere in serenità la propria giornata.

Alcuni semplici accorgimenti per evitare di trasformare il proprio soggiorno in un vero e proprio labirinto ricco di problematiche si possono riassumere in:

  • Limitare l’utilizzo di tappeti o fissarli tramite appositi fermi o ancoraggi al pavimento, per diminuire e evitare il rischio di caduta o scivolamento della persona;
  • Utilizzare divani e poltrone con imbottitura a densità differenziata: rigida all’interno e morbida verso l’esterno per favorire il rialzo della persona;
  • Scegliere poltrone che abbiano un’altezza della seduta da terra maggiore di 45-50cm e braccioli con imbottitura rigida, per favorire l’alzata e, quando è il caso, considerare l’opzione di poltrone motorizzate per favorire il rialzo e comfort della persona;
  • Limitare il numero di piccoli arredi (cassettiere, librerie piccole, mobili porta-telefono stretti e alti) per evitare che, in caso di appoggio della persona, cadano a causa della loro instabilità.
  • Fissare a parete eventuali mobili di maggiori dimensioni in modo che fungano da sicuri elementi di appoggio per la deambulazione o dotare alcuni spazi di collegamento con il corridoio di piccoli corrimano (simili a cornici e a boiserie) per favorire l’appoggio;
  • Disporre l’arredo in maniera che ci sia un raggio libero di almeno 60-65 cm in aderenza alle poltrone, divani, tavoli e sedie per favorire la deambulazione con ausili.
  • Dotare gli arredi esistenti, o eventualmente scegliere i nuovi, con spigoli arrotondati e possibilmente con finiture opache che non creino fastidiosi riflessi e morbide (ove possibile);
  • Installare, con dei piccoli interventi non invasivi, sensori di presenza al posto degli interruttori o piccole luci automatiche segna-passi per evitare di dimenticare l’illuminazione accesa o entrare nella stanza ancora non illuminata.

La maggior parte degli interventi elencati ripropongono simili strategie a quelle individuate nei precedenti articoli sullo spazio cucina e bagno, ma è buona norma prima individuare quali siano i bisogni e le problematiche di ogni individuo, in modo da rispondere efficacemente con accorgimenti mirati, precisi e low-cost.

La maggior parte di essi possono essere effettuati in maniera semplice dalla maggior parte delle persone, ma quando le necessità si complicano e le eventuali disabilità diventano rilevanti, è necessario affidarsi ad esperti di settore che possono offrire la migliore combinazione di soluzioni tagliate su misura per ogni utente.

Commenta