Senior Living
aspettative-imprese—header
immagine-senior-header
silver-value
2017-09-12-generazioni-a-confronto—banner-header_2
Nuove tecnologie Ricerche

Senior online

Sempre connessi, sempre pronti a condividere con gli amici le proprie esperienze sui social network, sempre più padroni della digitalizzazione. Non sono Millennials (o almeno non solo), sono la Silver Generation, la generazione Senior particolarmente propensa alla tecnologia.

Foto di Pexels da Pixabay

Questo il ritratto emerso nello studio “Smart ageing. La tecnologia non ha età”, promosso da Amplifon e condotto da Ipsos sulla diffusione della tecnologia tra gli over 55 di Italia, Francia, Germania, Australia e USA.

Una ricerca condotta su oltre 6.000 persone con un risultato sorprendente, ad essere i più presenti online sono proprio gli over 55 italiani: il 75% di loro si collega a internet più volte al giorno, soprattutto tramite smartphone, mentre i tedeschi e gli australiani spesso online sono “solo” il 55% e il 65%.

Il motivo? Prevalentemente quello di rimanere in contatto con famigliari e amici lontani o di vecchia data. Ad aver maggior diffusione sono infatti i social network, nello specifico le app di messaggistica: Whatsapp, che è presente sui telefoni cellulari di ben 9 intervistati su 10, e Facebook, diffuso tra il 54% dei Senior che hanno preso parte allo studio.

A facilitare ulteriormente il rapporto che gli over 55 hanno con i social network, il fatto che i device sono sempre più semplici e intuitivi: ben il 66,2% dei consumatori senior navigano autonomamente in rete e sui social network.

foto Sistema Bibliotecario Vimercatese da Flickr.com

È interessante notare poi come questa spinta tecnologica porti vantaggi anche alla salute psicofisica della generazione stessa: secondo un recente studio condotto dall’Università del Michigan e della Pennsylvania, i social media sono preziosi alleati nel contrastare depressione e demenza senile.

Se da un lato, infatti, le app di messaggistica istantanea e i social network come Facebook favoriscono l’integrazione sociale e il mantenimento delle relazioni, dall’altro le diverse informazioni costantemente ricevute stimolano l’attività cerebrale e la mantengono giovane.

Insomma, una prospettiva pienamente all’avanguardia si affaccia sulla generazione over 55. Attenti però a non esagerare: i social network sono uno strumento di intrattenimento utile e divertente e tali devono rimanere. Il rischio è quello, se no, di cadere in una dipendenza assolutamente negativa e di difficile gestione che, invece di portare benefici, porterebbe solo danni.

vedi qui un intervento di rappresentanti di Amplifon e Ipsos sulle conclusioni della ricerca al Wired NextFest 2018

Commenta